Passa ai contenuti principali

Contratto di lavoro a “Monte Ore Annuo" (M.O.A) del CCNL FIDEF .- dalla Rivista di IPSOA - Pratica Lavoro News n. 39 del 2017

Il contratto a “monte ore annuo" (M.O.A) può essere stipulato per procedere ad assunzioni di personale docente, viene stabilito su base annua - per dodici mesi, con una programmazione flessibile su base periodica, con l’indicazione della fascia oraria di riferimento. Il numero delle ore è viene determinato per il part-time a seconda della quota percentuale delle ore annue per il personale full time, con un minimo di 486,00 ore ad un massimo di 1296,00 ore
Il monte ore viene stabilito all’atto della assunzione, determinando  in termini proporzionali rispetto al full-time, dei corrispondenti orari convenzionali mensili, settimanali e giornalieri secondo il seguente schema:
-      orario mensile convenzionale (M.O.M) = M.O.A./12
-      orario settimanale convenzionale (M.O.S.) = M.O.M./4,33
-      orario giornaliero convenzionale = M.O.M/22.
Ai docenti con "monte ore" annuale competono, “nel rispetto principio di parità di trattamento retributivo, gli istituti contrattuali indiretti,  che vengono  calcolati sulla base dell’orario convenzionale (ferie, tredicesima, trattamento malattia, T.F.R., ecc.).
La programmazione dell’orario avverrà di norma su base mensile, salvo diverse esigenze didattiche-gestionali, con un minino di ore giornaliere da o a un massimo di 7,50 e di 32 ore settimanali.
Le ore eccedenti a quelle stabilite nel contratto part-time, fino al raggiungimento del normale orario di lavoro a tempo pieno, non sono soggette a maggiorazioni.
Le ore che superano il normale orario di lavoro previsto per il tempo pieno, sono considerate lavoro straordinario e pagate con a maggiorazione prevista. La fascia oraria stabilita può, comunque, essere variata successivamente in fase di esecuzione del contratto
È ammesso il periodo di prova nei limiti previsti per il tempo pieno.
Le ore lavorate, anche per la sostituzione di personale assente, sono attribuite al monte ore individuale, anche se non previste dalla programmazione flessibile.
La retribuzione mensile da erogarsi è indipendente dalle ore effettive lavorate nei singoli mesi, in quanto parametrata sull’orario convenzionale annuale, con la conseguente omogeneità delle retribuzioni di tutti i mesi dell’anno.
Nel caso di un minore orario effettivamente lavorato nell’anno solare, rispetto al monte ore annuo pattuito, le ore residue potranno essere, fino a concorrenza, richieste, senza nessuna maggiorazione retributiva,  durante  semestre successivo.
Potrà essere variato l’orario di lavoro individuale, le variazioni saranno vincolanti se comunicate di norma la settimana precedente e, comunque, in casi eccezionali almeno 3 giorni lavorativi prima.
Nella definizione annuale del time-table viene effettuata e definita l’assegnazione dei corsi prioritariamente al personale docente con rapporto di lavoro a tempo pieno e part-time su base settimanale e successivamente al personale con rapporto di lavoro flessibile, anche tenuto conto della attuale disponibilità dei docenti.

Per quanto non espressamente non previsto dal presente articolo, si applicano, in quanto compatibili, quanto  normato per il personale docente.

Post popolari in questo blog

Corsi di istruzione e formazione – Esenzione IVA art. 10 DPR 633/72

Facendo seguito ai quesiti 
Come noto, ai fini dell'applicazione dell'imposta sul valore aggiunto, le operazioni sono classificate in imponibili, non imponibili ed esenti. Le operazioni esenti posseggono tutti previsti per l’assoggettamento all’imposta, ma per vari motivi - che vanno da quelli di carattere sociale a quello di natura puramente economica - sono state sottratte dal legislatore all'ambito applicativo dell'imposta, pur soggiacendo comunque a una serie di adempimenti.
Ciò premesso è nell'ambito dell'articolo 10 del DPR 633/72, che si individuano le operazioni esenti che qui interessano,  dove è individuata l'elencazione tassativa ed il numero 20 così recita, "le prestazioni...didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l'aggiornamento e la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da ONLUS, comprese le prestazioni relative all'alloggio, al vitto e all…

Esenzione dall'Iva delle prestazioni educative e didattiche – Art 10 comma 20 D.P.R. 633/72 - Modalità e condizioni necessarie

In merito al quesito posto, si formulano le seguenti considerazioni.
L’articolo 10, primo comma, n. 20), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, dispone l’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto per “le prestazioni educative dell’infanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l’aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da Onlus (…)”.  Tale disposizione, quindi, subordina il beneficio dell’esenzione dall’IVA al verificarsi di due requisiti, uno di carattere oggettivo e l’altro soggettivo, stabilendo che le prestazioni a cui si riferisce:  a) devono essere di natura educativa dell’infanzia e della gioventù o didattica, ivi compresa l’attività di formazione, aggiornamento, riqualificazione e riconversione professionale;   b) devono essere rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni.  Con riferimento al requisito soggettivo, con Risoluzion…

ACCREDITAMENTO MIUR PER ENTI DI FORMAZIONE ED ISTRUZIONE

ACCREDITAMENTO MIUR PER ENTI DI FORMAZIONE
A questo link http://archivio.pubblica.istruzione.it/dg_pers_scolastico/enti_accreditati.shtml potrete trovare il nuovo regolamento per accreditarsi con il MIUR in qualità di Ente di Formazione. 
Vi segnaliamo alcune importanti novità: la procedura sarà esclusivamente online;sarà necessario includere il CV di ogni formatore;la scadenza per fare richiesta di accreditamento è il 15 ottobre 2016.
Sull’argomento, la segreteria operativa della FIDEF rimane a disposizione per ogni chiarimento.