Passa ai contenuti principali

Siglato il CCNL FIDEF per gli operatori dei corsi di Istruzione e formazione: regola in particolare con art 15 il contratto di Collaborazioone Coordinata e Contuinuativa per i docenti di corsi di cultura varia

E'E’ stato sottoscritto,  in via definitiva, il nuovo Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro FIDEF  2015/2018 -  In data  3.8.2015. Le OO.SS e datoriali, con il rinnovo triennale, hanno integrato positivamente -  il dettato del D Lgs 81/2015 che ha stabilito nuove norme di tipologia di contrattuale. 
Il nuovo codice del lavoro poneva  in seria difficoltà le scuole e i docenti che operano nel settore dei corsi non regolamentati e, pertanto  con obiettivi, attuazione e programmi didattici non attanagliati  a quelli previsti dagli assetti ordinamentali del MIUR, stante la competa diversa tipologia corsuale,  la specificità  delle esigenze dei discenti  nonchè legati alla forte erraticità ed alla variabilità della domanda, con  specifici contenuti ed obiettivi.
Non si non poteva non individuare  una regolamentazione diversa da quella prevista per le scuole paritarie. Particolare attenzione le OO.SS. hanno posto sulla   modalità di impiego del lavoro flessibile, indispensabile per costituire valido strumento di governo del personale docente nel settore dell’istruzione-formazione non formale. 
E' notorio che detto settore è strettamente ancorato al mercato e deve rispondere con strumenti didattici adeguati alle frequenti variazioni dei percorsi corsuali, nonché legato a i specifici contenuti ed obiettivi.
Il nuovo CCNL FIDEF è stato giudicato positivamente dalle Organizzazioni Sindacali e datoriali, dopo il tempo necessario per migliorare e rendere più esigibili il testo contrattuale.

Ufficio Stampa  www.fidef.it

Post popolari in questo blog

Corsi di istruzione e formazione – Esenzione IVA art. 10 DPR 633/72

Facendo seguito ai quesiti 
Come noto, ai fini dell'applicazione dell'imposta sul valore aggiunto, le operazioni sono classificate in imponibili, non imponibili ed esenti. Le operazioni esenti posseggono tutti previsti per l’assoggettamento all’imposta, ma per vari motivi - che vanno da quelli di carattere sociale a quello di natura puramente economica - sono state sottratte dal legislatore all'ambito applicativo dell'imposta, pur soggiacendo comunque a una serie di adempimenti.
Ciò premesso è nell'ambito dell'articolo 10 del DPR 633/72, che si individuano le operazioni esenti che qui interessano,  dove è individuata l'elencazione tassativa ed il numero 20 così recita, "le prestazioni...didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l'aggiornamento e la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da ONLUS, comprese le prestazioni relative all'alloggio, al vitto e all…

Esenzione dall'Iva delle prestazioni educative e didattiche – Art 10 comma 20 D.P.R. 633/72 - Modalità e condizioni necessarie

In merito al quesito posto, si formulano le seguenti considerazioni.
L’articolo 10, primo comma, n. 20), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, dispone l’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto per “le prestazioni educative dell’infanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l’aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da Onlus (…)”.  Tale disposizione, quindi, subordina il beneficio dell’esenzione dall’IVA al verificarsi di due requisiti, uno di carattere oggettivo e l’altro soggettivo, stabilendo che le prestazioni a cui si riferisce:  a) devono essere di natura educativa dell’infanzia e della gioventù o didattica, ivi compresa l’attività di formazione, aggiornamento, riqualificazione e riconversione professionale;   b) devono essere rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni.  Con riferimento al requisito soggettivo, con Risoluzion…

ACCREDITAMENTO MIUR PER ENTI DI FORMAZIONE ED ISTRUZIONE

ACCREDITAMENTO MIUR PER ENTI DI FORMAZIONE
A questo link http://archivio.pubblica.istruzione.it/dg_pers_scolastico/enti_accreditati.shtml potrete trovare il nuovo regolamento per accreditarsi con il MIUR in qualità di Ente di Formazione. 
Vi segnaliamo alcune importanti novità: la procedura sarà esclusivamente online;sarà necessario includere il CV di ogni formatore;la scadenza per fare richiesta di accreditamento è il 15 ottobre 2016.
Sull’argomento, la segreteria operativa della FIDEF rimane a disposizione per ogni chiarimento.