Passa ai contenuti principali

Effetti della Brexit sugli Acquisti di servizi (Esami) dalla Gran Bretagna.

 Effetti  della Brexit  sugli Acquisti di servizi (Esami) dalla Gran Bretagna. 

 Cari Colleghi, facendo seguito alle numerose richieste di chiarimenti in materia di IVA,  relativi ai servizi acquistati dalle nostre scuole in Italia dalla GB, tra cui gli Esami,  si evidenzia che la normativa vigente sull’applicazione dell’IVA sulle fatture provenienti da paesi extra UE (qual è oggi la GB),  prevede  che venga effettuata l’auto-liquidazione dell’IVA.  Ciò nel rispetto della norme  che individuano l’applicazione dell’imposta nel luogo della prestazione (Italia): regola fondamentale per le forniture Business "B2B" servizi.

La normativa vigente dal 1.1.2021 pone nuovi obblighi,  in quanto il luogo della prestazione è quello in cui il cliente appartiene (Italia), si avrà che

- Il fornitore della GB (ente certificatore) non applicherà la VAT (lVA) sulla fattura che emette;

- il cliente italiano business (B2B) con partita IVA, deve effettuare il  pagamento dell’Iva dovuta, secondo le  aliquote applicabili nel paese di destinazione (Italia), anche se nel Regno Unito per gli Esami vige specifica esenzione VAT (IVA).

   VAT act of 1994under Chapter 23, Schedule 9, Group 6, item         3a. http://www.opsi.gov.uk/Acts/acts1994/ukpga_19940023_en_20 

Si avrà che, al costo sostenuto per acquisto esami dalle Scuole  "Fattura della GB",  và ad aggiungersi l’IVA che si deve pagare con l’autoliquidazione (entro 15 giorni successivi al mese successivo alla data di ricezione della fattura).

Ne consegue che le scuole che hanno ottenuto l’esenzione IVA  (ex art.10 comma 20 D.P.R. 633/72),  l’iva che si dovrà versare con l’autoliquidazione e con l’emissione dell’ Autofattura, graverà sulla scuola e rimarrà un costo per la stessa.

Si evidenzia, altresì,  che per le suddette operazioni dal 1.1.2021 non sussiste più l’obbligo di presentare l’elenco INTRASTAT.

 

Si resta disponibile per ogni ulteriore chiarimento o confronto sull’argomento. 

www.fidef.it  - segreteriafidef@gmail.com  

Post popolari in questo blog

Corsi di istruzione e formazione – Esenzione IVA art. 10 DPR 633/72

Facendo seguito ai quesiti  Come noto, ai fini dell'applicazione dell'imposta sul valore aggiunto, le operazioni sono classificate in:  imponibili, non imponibili ed esenti. Le operazioni esenti posseggono tutti i requiaiti previsti per l’assoggettamento all’imposta ma, per vari motivi - che vanno da quelli di carattere sociale a quello di natura puramente economica - sono state sottratte dal legislatore all'ambito applicativo dell'imposta, pur soggiacendo  a una serie di adempimenti. Ciò premesso, è nell'ambito dell'articolo 10 del D.P.R. 633/72, che si individuano le operazioni esenti che qui interessano,  dove è individuata l'elencazione tassativa. Il comma 20 del predetto art. 10 così recita, " le prestazioni...didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l'aggiornamento e la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da ONLUS, comprese le prestazioni relative a

Esenzione dall'Iva delle prestazioni educative e didattiche – Art 10 comma 20 D.P.R. 633/72 - Modalità e condizioni necessarie

In merito al quesito posto, si formulano le seguenti considerazioni. L’articolo 10, primo comma, n. 20), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, dispone l’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto per “le prestazioni educative dell’infanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l’aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da Onlus (…)”.  Tale disposizione, quindi, subordina il beneficio dell’esenzione dall’IVA al verificarsi di due requisiti, uno di carattere oggettivo e l’altro soggettivo , stabilendo che le prestazioni a cui si riferisce :  a) devono essere di natura educativa dell’infanzia e della gioventù o didattica, ivi compresa l’attività di formazione, aggiornamento, riqualificazione e riconversione professionale;   b) devono essere rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni.  Con riferimento al requisito sogget

La Docenza ed il lavoro autonomo occasionale.

Diversi associati ci chiedono se può essere utilizzato il contratto di  lavoro  autonomo occasionale - ex art. 2222 cc. - per la docenza ai Corsi Riteniamo che ad un Docente è possibile applicare (solo eccezionalmente) detta tipologia di contratto. Qui di seguito riteniamo utile riportare come è normata detta tipologia contrattuale. Come anche specificato dall’Inps con circ. n. 9 del 22 gennaio 2004, …….. può essere definito come colui che “si obbliga a compiere un'opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio, senza vincolo di subordinazione e senza alcun coordinamento con il committente”. Si tratta, quindi, di un’attività lavorativa caratterizzata dall’assenza di requisiti quali l’abitualità, la professionalità, la continuità e la coordinazione. Gli elementi caratterizzanti di detto contratto possono così riassumersi: a)       obbligo di compiere verso corrispettivo un'opera o un servizio; b)       effettuazione dell'opera o del servizio con lavoro pr