Passa ai contenuti principali

Corsi di Formazione ed Istruzione senza esenzione IVA, in assenza di riconoscimento da parte della Regione, del MIUR o dell'Agenzia delle Entrate

 

L'esenzione ai fini dell'IVA prevista per le prestazioni educative dell'infanzia e della gioventù e per quelle didattiche di ogni genere, come anche per la formazione, l'aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da ONLUS, non si applica alle attività di formazione svolte al di fuori dell’ambito regionale, in mancanza di uno specifico riconoscimento da parte della Regione in cui la società intende svolgere i corsi di formazione professionale. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 85 del 4 febbraio 2021.                  Con la risposta a interpello n. 85 del 4 febbraio 2021 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in tema di esenzione IVA.       L'art. 10, n. 20), D.P.R. n. 633/1972, prevede l'esenzione ai fini dell'IVA per le prestazioni educative dell'infanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l'aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da ONLUS.

Come chiarito nella circolare n. 22/E del 18 marzo 2008, la norma citata, coerentemente con quanto previsto dall'art. 132 della direttiva CE n. 112 del 2006, subordina l'applicazione del beneficio dell'esenzione dall'IVA al verificarsi di due requisiti, uno di carattere oggettivo e l'altro soggettivo, stabilendo che le prestazioni a cui si riferisce devono essere :

- di natura educativa dell'infanzia e della gioventù o didattica di ogni genere, ivi compresa l'attività di formazione, aggiornamento, riqualificazione e riconversione professionale;

- rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni.

In particolare, relativamente agli organismi privati operanti nelle materie di competenza di soggetti pubblici diversi dall'Amministrazione della Pubblica Istruzione, al paragrafo 4 la circolare n. 22/E del 2008 ha precisato che il riconoscimento utile ai fini fiscali continua a essere effettuato dai soggetti competenti per materia (RegioniEnti locali, etc.), con le modalità previste per le specifiche attività educative, didattiche e formative, ad esempio, con l'iscrizione in appositi albi o attraverso l'istituto dell'accreditamento.

Nel caso in cui, ai fini dell'esenzione IVA, l'iscrizione della società nell'Albo dei soggetti accreditati per i corsi di aggiornamento e corsi di formazione professionale nel campo della cosmetica e del trucco professionale della Regione sia stata rilasciata dal soggetto competente per materia, non è possibile estendere l'esenzione in esame alle attività formative svolte dalla società al di fuori dell'ambito territoriale della Regione.

Ai fini della concessione della iscrizione nei singoli Albi regionali dei Servizi di Istruzione e Formazione Professionale, ogni Ente Regionale, essendo un soggetto pubblico diverso dall'Amministrazione della Pubblica Istruzione, adotterà, nelle proprie aree di competenza territoriale, autonomi criteri di riconoscimento.

Non può trovare applicazione il principio generale, riferito agli organismi privati che svolgono corsi nelle materie presenti negli ordinamenti scolastici di competenza del Ministero della Pubblica istruzione, secondo cui, in considerazione del fatto che i programmi formativi sono adottati su base nazionale, l'organismo privato che svolge l'attività didattica e formativa nelle aree di competenza dell'Amministrazione scolastica nel territorio di più Regioni deve presentare l'istanza per il riconoscimento alla Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate competente in ragione del domicilio fiscale.

Ne consegue che la società non può applicare l'esenzione IVA alle attività di formazione dalla stessa svolte al di fuori dell’ambito regionale, in mancanza di uno specifico riconoscimento da parte della Regione in cui la società intende svolgere tali corsi di formazione professionale

 a cura della www.fidef.it    per approofondimenti contattare la Federazione

Post popolari in questo blog

Corsi di istruzione e formazione – Esenzione IVA art. 10 DPR 633/72

Facendo seguito ai quesiti  Come noto, ai fini dell'applicazione dell'imposta sul valore aggiunto, le operazioni sono classificate in:  imponibili, non imponibili ed esenti. Le operazioni esenti posseggono tutti i requiaiti previsti per l’assoggettamento all’imposta ma, per vari motivi - che vanno da quelli di carattere sociale a quello di natura puramente economica - sono state sottratte dal legislatore all'ambito applicativo dell'imposta, pur soggiacendo  a una serie di adempimenti. Ciò premesso, è nell'ambito dell'articolo 10 del D.P.R. 633/72, che si individuano le operazioni esenti che qui interessano,  dove è individuata l'elencazione tassativa. Il comma 20 del predetto art. 10 così recita, " le prestazioni...didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l'aggiornamento e la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da ONLUS, comprese le prestazioni relative a

Esenzione dall'Iva delle prestazioni educative e didattiche – Art 10 comma 20 D.P.R. 633/72 - Modalità e condizioni necessarie

In merito al quesito posto, si formulano le seguenti considerazioni. L’articolo 10, primo comma, n. 20), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, dispone l’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto per “le prestazioni educative dell’infanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l’aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da Onlus (…)”.  Tale disposizione, quindi, subordina il beneficio dell’esenzione dall’IVA al verificarsi di due requisiti, uno di carattere oggettivo e l’altro soggettivo , stabilendo che le prestazioni a cui si riferisce :  a) devono essere di natura educativa dell’infanzia e della gioventù o didattica, ivi compresa l’attività di formazione, aggiornamento, riqualificazione e riconversione professionale;   b) devono essere rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni.  Con riferimento al requisito sogget

La Docenza ed il lavoro autonomo occasionale.

Diversi associati ci chiedono se può essere utilizzato il contratto di  lavoro  autonomo occasionale - ex art. 2222 cc. - per la docenza ai Corsi Riteniamo che ad un Docente è possibile applicare (solo eccezionalmente) detta tipologia di contratto. Qui di seguito riteniamo utile riportare come è normata detta tipologia contrattuale. Come anche specificato dall’Inps con circ. n. 9 del 22 gennaio 2004, …….. può essere definito come colui che “si obbliga a compiere un'opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio, senza vincolo di subordinazione e senza alcun coordinamento con il committente”. Si tratta, quindi, di un’attività lavorativa caratterizzata dall’assenza di requisiti quali l’abitualità, la professionalità, la continuità e la coordinazione. Gli elementi caratterizzanti di detto contratto possono così riassumersi: a)       obbligo di compiere verso corrispettivo un'opera o un servizio; b)       effettuazione dell'opera o del servizio con lavoro pr