Passa ai contenuti principali

La Docenza ed il lavoro autonomo occasionale.

Diversi associati ci chiedono se può essere utilizzato il contratto di  lavoro  autonomo occasionale - ex art. 2222 cc. - per la docenza ai Corsi
Riteniamo che ad un Docente è possibile applicare (solo eccezionalmente) detta tipologia di contratto. Qui di seguito riteniamo utile riportare come è normata detta tipologia contrattuale.
Come anche specificato dall’Inps con circ. n. 9 del 22 gennaio 2004, …….. può essere definito come colui che “si obbliga a compiere un'opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio, senza vincolo di subordinazione e senza alcun coordinamento con il committente”. Si tratta, quindi, di un’attività lavorativa caratterizzata dall’assenza di requisiti quali l’abitualità, la professionalità, la continuità e la coordinazione.
Gli elementi caratterizzanti di detto contratto possono così riassumersi:
a)      obbligo di compiere verso corrispettivo un'opera o un servizio;
b)      effettuazione dell'opera o del servizio con lavoro prevalentemente proprio;
c)       assenza del vincolo di subordinazione nei confronti del committente;
d)      piena autonomia nei modi e nei tempi necessari al compimento dell'opera o del servizio.
Inoltre, deve essere del tutto occasionale, senza i requisiti dell'abitualità e della professionalità, in assenza di una qualsiasi forma di organizzazione finalizzata allo svolgimento della stessa.
In base alla giurisprudenza si può parlare di lavoro autonomo occasionale quando:
  • si è in presenza di una prestazione unica ad esecuzione istantanea, occasionale e destinata, quindi, a non ripetersi nel corso del tempo (Cass., 23 novembre 1988, n. 6928);
  • l'interazione fra le parti è limitata alle sole fasi dell'accettazione dell'opera e del versamento del corrispettivo (Cass., 15 ottobre 1986 n. 6052).
Contraddistingue questa tipologia di lavoro l’assenza di coordinamento con l'attività del committente, il carattere episodico dell'attività e la mancanza di continuità della prestazione.
Il lavoratore autonomo occasionale, dunque, deve poter svolgere la sua attività in modo autonomo e non essere vincolato dal committente a orari rigidi e predeterminati, fatte salve ovviamente specifiche esigenze dell'azienda. In questo tipo di collaborazione, quindi, il lavoratore agisce in assenza di rischio economico, non è tenuto a rispettare un orario di lavoro preciso e la sua attività va intesa non come strutturale all’intero ciclo produttivo, ma solo come di supporto al raggiungimento di obiettivi momentanei del committente.
In sintesi è necessario che, dall'analisi delle modalità di effettuazione della prestazione e dalla sua eventuale ripetitività nel tempo, non emergano elementi che facciano propendere per un diverso inquadramento della prestazione stessa nell'ambito del rapporto di lavoro dipenedente,  delle collaborazioni coordinate e continuative ex art. 409 c.p.c. o nell'ambito dell'esercizio abituale di un'arte o
E’ utili tener presente che la prestazione di lavoro autonomo non rientra, inoltre, nell’occasionalità quando l'attività esercitata non è singolare e/o episodica, ma - all'opposto - presenta i caratteri della ripetitività, regolarità, stabilità e sistematicità; si realizza in queste ipotesi l'esercizio abituale di un'arte o professione o di un'attività d'impresa.

Questa Federazione, pur avendo predisposto un format per detta tipologia di lavoro occasionale,  ha sempre ritenuto che  utilizzata per lo stesso soggetto solo carattere episodico.
Si resta disponibili per ogni chiarimento a riguardo

Ufficio studi e Documentazione

www.fidef.it    

Post popolari in questo blog

Corsi di istruzione e formazione – Esenzione IVA art. 10 DPR 633/72

Facendo seguito ai quesiti 
Come noto, ai fini dell'applicazione dell'imposta sul valore aggiunto, le operazioni sono classificate in imponibili, non imponibili ed esenti. Le operazioni esenti posseggono tutti previsti per l’assoggettamento all’imposta, ma per vari motivi - che vanno da quelli di carattere sociale a quello di natura puramente economica - sono state sottratte dal legislatore all'ambito applicativo dell'imposta, pur soggiacendo comunque a una serie di adempimenti.
Ciò premesso è nell'ambito dell'articolo 10 del DPR 633/72, che si individuano le operazioni esenti che qui interessano,  dove è individuata l'elencazione tassativa ed il numero 20 così recita, "le prestazioni...didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l'aggiornamento e la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da ONLUS, comprese le prestazioni relative all'alloggio, al vitto e all…

Esenzione dall'Iva delle prestazioni educative e didattiche – Art 10 comma 20 D.P.R. 633/72 - Modalità e condizioni necessarie

In merito al quesito posto, si formulano le seguenti considerazioni.
L’articolo 10, primo comma, n. 20), del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, dispone l’esenzione dall’imposta sul valore aggiunto per “le prestazioni educative dell’infanzia e della gioventù e quelle didattiche di ogni genere, anche per la formazione, l’aggiornamento, la riqualificazione e riconversione professionale, rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni e da Onlus (…)”.  Tale disposizione, quindi, subordina il beneficio dell’esenzione dall’IVA al verificarsi di due requisiti, uno di carattere oggettivo e l’altro soggettivo, stabilendo che le prestazioni a cui si riferisce:  a) devono essere di natura educativa dell’infanzia e della gioventù o didattica, ivi compresa l’attività di formazione, aggiornamento, riqualificazione e riconversione professionale;   b) devono essere rese da istituti o scuole riconosciuti da pubbliche amministrazioni.  Con riferimento al requisito soggettivo, con Risoluzion…

ACCREDITAMENTO MIUR PER ENTI DI FORMAZIONE ED ISTRUZIONE

ACCREDITAMENTO MIUR PER ENTI DI FORMAZIONE
A questo link http://archivio.pubblica.istruzione.it/dg_pers_scolastico/enti_accreditati.shtml potrete trovare il nuovo regolamento per accreditarsi con il MIUR in qualità di Ente di Formazione. 
Vi segnaliamo alcune importanti novità: la procedura sarà esclusivamente online;sarà necessario includere il CV di ogni formatore;la scadenza per fare richiesta di accreditamento è il 15 ottobre 2016.
Sull’argomento, la segreteria operativa della FIDEF rimane a disposizione per ogni chiarimento.